Boswellia serrata: un valido aiuto nell’osteoartrite del cane

/ / Fitoterapia
Boswellia

L’osteoartrite è una patologia cronica molto frequente nel cane, soprattutto nei soggetti anziani. Causa danni alla cartilagine articolare e ai tessuti circostanti ed è caratterizzata da dolore, rigidità e progressiva perdita della funzionalità.

Oltre ai trattamenti convenzionali, abbiamo a disposizione un’arma molto efficace e sicura che ci viene fornita direttamente dalla Natura: la Boswellia.

Conosciamo meglio la Boswellia

Boswellia è il nome comune della pianta Boswellia serrata, conosciuta anche come incenso indiano. Originaria dell’India è appartenente alla famiglia delle Burseraceae. 

Spesso viene confusa con la pianta Boswellia carterii, molto simile, maggiormente conosciuta perché la sua resina costituisce l’incenso usato nelle liturgie religiose.

Parti utilizzate e principi attivi

Della pianta si utilizza la resina oleo-gommosa che si ottiene per incisione del tronco e dei rami. 

A contatto con l’aria, la resina che trasuda dalla corteccia infatti indurisce formando delle perle, chiamate volgarmente “lacrime”, che vengono successivamente raccolte. 

Questa gommoresina è costituita da una miscela di acidi triterpenici pentaciclici (acidi boswellici) e acidi triterpenici tetraciclici (acidi tirucallenici), β-sitosterolo e piccole quantità di olio essenziale.

Proprietà medicamentose della Boswellia e indicazioni d’uso

La Boswellia è una pianta molto utilizzata nell’antica medicina ayurvedica come rimedio antinfiammatorio.

Infatti gli studi hanno dimostrato che gli acidi boswellici presenti nella sua resina sono in grado di inibire l’attività della 5-lipossigenasi. L’enzima responsabile della sintesi dei leucotrieni, importanti mediatori chimici del processo infiammatorio.

Per questo motivo la pianta è ancora oggi utilizzata per i suoi effetti antireumatici e antinfiammatori.

Utilizzo in Medicina Veterinaria

In virtù del suo meccanismo d’azione, la Boswellia può essere utilizzata negli animali in caso di reumatismi, osteoartrite, bronchite e asma. Ma anche colite ulcerosa e altre patologie infiammatorie croniche.

In presenza di dolore infiammatorio piuttosto spiccato, la Boswellia può essere utilizzata in associazione con la curcuma (Curcuma longa) per ottenere migliori risultati. Come dimostrato in diversi studi clinici sull’uomo.

Boswellia e osteoartrite nel cane

In uno studio clinico e multicentrico 29 cani affetti da malattie articolari croniche sono stati sottoposti ad un trattamento con estratto di Boswellia serrata.

L’estratto è stato somministrato insieme al pasto in ragione di 400 mg/10 kg di peso corporeo, una volta al giorno, per 6 settimane consecutive.

Già dopo 2 sole settimane, si è potuto osservare un miglioramento dei sintomi nel 71% dei casi.

Al termine del trattamento si è potuto constatare un miglioramento statisticamente significativo e la scomparsa di sintomi quali la zoppia intermittente, la rigidità deambulatoria e il dolore localizzato.

Questo studio conferma come l’estratto di Boswellia serrata risulti di notevole utilità nel cane per ridurre la sintomatologia legata alle patologie infiammatorie osteorticolari. Un trattamento di almeno 4 settimane è consigliabile, sempre secondo lo studio.

Controindicazioni ed effetti collaterali

La Boswellia è una pianta piuttosto maneggevole e non sono note particolari controindicazioni al suo utilizzo.

Gli effetti collaterali sono piuttosto rari e possono essere rappresentati da eruzioni cutanee, diarrea e nausea che solitamente si risolvono spontaneamente in seguito all’interruzione del trattamento.

In conclusione…

In conclusione, possiamo riassumere dicendo che la Boswellia è senza dubbio una pianta molto preziosa per la salute, sia umana che animale. Perchè esercita un comprovato effetto antinfiammatorio e antireumatico ed è piuttosto maneggevole e con ridotto rischio di effetti collaterali.

Articolo della dott.ssa Morena Cena, DMV

Bibliografia

  • Firenzuoli F, Fitoterapia, guida all’uso clinico delle piante medicinali, 2012 
  • Kizhakkedath R et al., “Clinical evaluation of a formulation containing curcuma longa and Boswellia serrata extracts in the management of knee osteoarthritis”, in Molecular Medicine Report, 2013
  • Reichling J et al., “Dietary support with Boswellia resin in canine inflammatory joint and spinal disease”, in Schweiz. Arch. Tierheilk., 2004
  • Wynn, Fougère, Veterinary Herbal Medicine, 2007

  • inMedici Veterinari

    I betaglucani, gli “amici” del sistema immunitario

    I betaglucani sono dei polisaccaridi indigeribili. Come dimostrano recenti ricerche scientifiche risultano utili alla salute dell’organismo. Agiscono infatti favorevolmente soprattutto sul sistema immunitario. Modulandolo e rendendolo più reattivo. Vediamo insieme perché! Che cosa sono i betaglucani? Dal punto di vista chimico i betaglucani sono po...
  • inMedici Veterinari, Microbioma

    Invecchiamento e infiammazione negli animali

    L’invecchiamento degli animali umani e non umani e le malattie legate all’età condividono alcuni meccanismi biologici che sono stati in gran parte identificati con processi infiammatori. Nel corso dell’invecchiamento infatti si sviluppa un’infiammazione cronica di basso grado, chiamata inflammaging, che contribuisce all̵...
TORNA SU